Loading...

Come si fa a piangere a comando?

piangere a comandoPiangere a comando è una delle abilità di base per qualunque attore che voglia interpretare ruoli drammatici. Si tratta di qualcosa però, almeno per i non addetti ai lavori, di estremamente difficile. Per questo motivo abbiamo preparato una guida che vi faccia lavorare in questo senso, permettendovi con un po’ di allenamento di erompere in un fiume di lacrime ogni volta che lo vogliate.

Bisogna prepararsi sia mentalmente che fisicamente, quindi attenti e continuate a leggere.

Il metodo più difficile: l’immedesimazione

Il metodo più difficile, che è però anche quello che da i risultati più veritieri e che viene usato dai migliori attori è quello dell’immedesimazione. I grandi attori riescono ad immedesimarsi perfettamente nella parte, vivendo le stesse emozioni del personaggio e quindi riuscendo a piangere non a comando, ma secondo lo stato d’animo della parte.

Per fare questo dovrete innanzitutto cercare di conoscere il vostro personaggio e di comprendere quelle che sono le sue emozioni, anche se sarà difficile soprattutto per un attore alle prime armi.

I metodi meccanici

Per cominciare a piangere esistono anche quelli che sono considerati dei metodi meccanici. Si tratta di dei piccoli stratagemmi che aiutano a piangere utilizzando dei piccoli aiuti.

Non sbattere le palpebre

Stropicciate i vostri occhi prima di recitare. Non fatelo con forza eccessiva o rischierete di danneggiare i vostri occhi. Una volta che avrete cominciato a recitare, provate a rimanere più di 30 secondi senza sbattere le palpebre. Per un grandissimo numero di persone questo metodo garantirà un pianto senza paragoni!

Il mentolo

Soprattutto per le produzioni che non possono affidarsi a grandi attori, c’è un vecchissimo trucco degli assistenti al trucco che funziona sempre. Si tratta di usare uno stick al mentolo che viene utilizzato proprio sotto agli occhi. Il suo aroma pungente è in grado di far lacrimare anche gli occhi più resistenti ed è un trucco utilizzato ancora con molto successo.

La cipolla

Nonostante la sua fama, la cipolla non è poi di grande aiuto per piangere. Il tutto dipende infatti dal grado di maturità di questa radice e soprattutto dal tempo di esposizione. Si tratta di uno stratagemma che non viene quasi mai utilizzato professionalmente, fatta eccezione per alcuni estratti che, appunto, fanno affidamento sui reagenti presenti nella cipolla.

Il copione fa la differenza

Anche grandi attori come Al Pacino potrebbero avere problemi a piangere nel caso di una parte scritta particolarmente male. Quando un attore sembra un cane, come si dice in gergo teatrale, non dipende poi sempre dalle sue capacità, ma anche da quelle di coloro che hanno preparato la parte.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Arrangiamoci.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons