Loading...

Come pulire i diamanti e farli tornare splendenti

diamante 300x300Il diamante è la pietra più resistente che esiste al mondo. Resiste a scalfitture, graffi, macchie e deterioramento. Questo però non ci garantisce che il nostro gioiello con un diamante o un solitario incastonato si presenterà sempre brillante e pulito come al momento in cui lo abbiamo acquistato.

L’utilizzo di detergenti per piatti, la sudorazione e lo smog possono andare a creare una patina che renderà il nostro diamante opaco, scuro e meno bello di quando lo avevamo comprato o ce lo avevano regalato.

Niente paura però, perché abbiamo messo insieme una guida che ci permette di pulire a casa la nostra pietra preziosa senza ricorrere a prodotti speciali e senza spendere un occhio della testa per una pulizia dal gioielliere.

Ammoniaca e acqua distillata

Esistono in commercio (in genere però dedicate agli specialisti) diverse soluzioni in grado di andare a pulire un diamante. Possiamo crearne però una a casa utilizzando materiali comunissimi come ammoniaca e acqua distillata. 

Quello che dovremo fare è mettere un po’ di ammoniaca (una parte) in 4 parti di acqua leggermente tiepida. Ecco pronta la nostra soluzione. Ora passiamo a vedere come utilizzarla.

Immergere il gioiello per 30 minuti

Immergiamo il nostro gioiello nella soluzione che abbiamo appena preparato per circa 30 minuti. Possiamo immergere senza problemi gioielli in oro o platino, che non saranno attaccati in alcun modo dalla soluzione che abbiamo preparato.

Lasciamolo riposare per il tempo dovuto, e intanto prepariamo uno spazzolino a setole morbide.

Spazzolare energicamente, ma facendo attenzione

Bisogna adesso tirare fuori il gioiello, senza asciugarlo, procedere a spazzolarlo con uno spazzolino da denti a setole morbide. Dobbiamo farlo energicamente per rimuovere ogni patina che ricopra il nostro diamante.

Stiamo però attenti a non rovinare l’incastonatura del nostro gioiello, perché nel caso in cui dovesse allentarsi, dovremmo correre dal gioielliere e pagare la riparazione, affinché la pietra rimanga incastonata senza il rischio di cadere e di perdersi.

Risciacquare sotto acqua corrente

Con lo scarico chiuso, per evitare che il gioiello con diamante ci cada dalle mani e finisca nelle fogne, apriamo il rubinetto ad una temperatura tiepida e procediamo a risciacquare quanto abbiamo appena spazzolato. Risciacquiamo a fondo, per evitare che rimangano anche minime tracce della soluzione incastrate nel gioiello.

L’ammoniaca può infatti irritare le pelli più delicate e non vale assolutamente la pena correre un tale rischio.

Asciugare con un panno di stoffa o di pelle

Utilizzando un panno di daino oppure uno di stoffa che non rilasci pilucchi, procediamo ad asciugare il nostro gioiello. Il diamante dovrebbe essere tornato al suo splendore originale, e nel caso non lo fosse potremo comunque ripetere l’operazione che vi abbiamo descritto, senza comunque la paura di andarlo a danneggiare.

Anche durante l’asciugatura bisogna fare attenzione a non rovinare nessuna parte dell’anello, degli orecchini o della collana e va evitata la carta, che tende a sfaldarsi e a lasciare residui negli angoli più reconditi dei nostri preziosi.

Cosa abbiamo eliminato?

Siamo andati ad eliminare, con questa procedura, una patina che in genere contiene cellule morte, smog, detersivi e altre impurità che hanno il potere di andare ad offuscare anche il diamante più lucente. 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Arrangiamoci.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons