Loading...

Come pulire e lucidare un diamante solitario

Rimedi fai-da-te per pulire e lucidare un solitario“Diamonds are a girl’s best friend”, così cantava la celebre Marilyn Monroe ed è impossibile dire che non aveva ragione.

Capita raramente che un uomo ci regali un diamante, ma quando succede vorremmo mantenere il suo splendore intatto per tutta la vita.

Spesso, però, questo non accade a causa della poca cura che riserviamo al gioiello e delle faccende domestiche che, ahimè, non ci danno mai tregua.

La domanda che sorge spontanea è: come si fa a mantenere intatto un diamante solitario? La risposta è ovvia: tenendolo sempre nell’apposito cofanetto e sfoggiarlo soltanto in occasioni importanti.

Se questa soluzione non vi piace e volete indossare il vostro anello sempre, continuate a leggere quest’articolo. Vi diremo come fare per pulirlo e lucidarlo in maniera perfetta.

Pulizia

1. Ammoniaca

Il primo metodo prevede l’utilizzo dell’ammoniaca e dell’acqua fredda.

  1. Riempite una bacinella con acqua ed ammoniaca, mantenendo un rapporto pari a 6:1.
  2. Mettete successivamente a riscaldare la soluzione in un forno a microonde per una decina di minuti.
  3. Non aspettate che la soluzione sia bollente anzi, assicuratevi che sia tiepida altrimenti lo sbalzo di temperatura andrà a rovinare il diamante.
  4. Immergete il gioiello nella bacinella per circa 30 minuti.
  5. A questo punto avremo rimosso la maggior parte delle impurità, ma non è ancora finita.
  6. Aiutandovi con uno spazzolino da denti immerso in acqua e sapone neutro per mani e dotato di setole morbide, iniziate a rimuovere i residui di sporco sul diamante.
  7. E’ fondamentale spazzolare il diamante in maniera delicata, altrimenti rischiate di andare a rigare l’anello.
  8. Terminata la suddetta fase, risciacquate il solitario con acqua tiepida ed asciugate con un panno morbido o con un cotton fioc avvolto in un panno per raggiungere le parti più difficili.

2. Vodka

Vediamo adesso un rimedio poco ortodosso, ma non per questo meno efficace, anzi.

  1. Riempite un bicchiere di vodka ed immergeteci il vostro diamante.
  2. Lasciatelo lì per 5 – 10 minuti, dopodichè estraetelo e risciacquatelo per bene con acqua tiepida.
  3. Asciugatelo infine con un panno morbido.

3. Detersivo per piatti

Ed infine, il detersivo per piatti.

  1. Anche in questo caso dovete riempire una bacinella con acqua tiepida e qualche goccia di detersivo per piatti, preferibilmente neutro.
  2. Immergete il diamante nella soluzione e fatelo rimanere lì per tutta la notte.
  3. Se è necessario, rimuovete i residui con uno spazzolino da denti dalle setole morbide, inumidito con acqua e sapone per lavare le mani.
  4. Risciacquate, infine, con acqua tipieda ed asciugatelo con un panno morbido.

Vi facciamo notare che nei rimedi suggeritivi abbiamo parlato di diamanti solitari, non di altro. Per cui, prima di mettere in pratica i nostri rimedi assicuratevi che il metallo di cui è composto il vostro anello (oro, argento, ecc.) possa essere tranquillamente immerso nelle soluzioni sopra citate, senza il rischio che possa subìre particolari danni. Altrimenti fate in modo che nelle soluzioni vada immerso soltanto il diamante.

Se conoscete qualche altro metodo riguardo la pulizia e la lucidatura dei diamanti solitari, suggeriteceli con un commento qui sotto.

Lucidatura

Panno per lucidare

Per lucidare un diamante solitario potete tranquillamente acquistare dal vostro gioielliere di fiducia oppure online un panno per lucidare. Si tratta di panni fatti di tessuti particolarmente morbidi adattissimi per la lucidatura dei solitari. Ricordatevi, però, di ungerlo leggermente con del sapone neutro per mani prima di utilizzarlo sul gioiello. Vedrete che in questo modo il vostro solitario tornerà come nuovo.

 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Arrangiamoci.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons