Loading...

Come fare ricorso al Giudice di Pace

Ricorso al giudice di paceSono diversi i motivi che possono spingervi a presentare ricorso al Giudice di Pace, con l’obiettivo di far valere i vostri diritti nel pieno rispetto della legge.

Generalmente si opta per un ricorso al Giudice di Pace quando si vuole contestare una multa stradale, ma anche per risolvere cause tra condomini e in ogni caso richieste di risarcimento danni che non superino la cifra di 5.000 euro.

Oltre la soglia sarà necessario il ricorso al Tribunale.

Quanto costa il ricorso al Giudice di Pace

Il ricorso al Giudice di Pace era totalmente gratuito fino al 2009.

Dal 2010 in poi, bisogna pagare un contributo unificato di 37 euro per richieste di risarcimento fino a 1.100 euro e 85 euro più 25 euro di marca da bollo per valori superiori.

Come fare il ricorso

Potrete fare ricorso al Giudice di Pace con un limite massimo di 90 giorni dall’accaduto, nel caso di una multa o di un avvenimento specifico relativo alla causa.

Il ricorso può essere presentato online sul sito gdp.giustizia.it. In ogni caso dovrete presentarvi di persona presso la sede del Giudice di Pace a cui vi siete rivolti sul sito, per firmare e depositare le copie del ricorso necessarie.

Le spese per il contributo unificato dovranno essere versate sul bollettino postale n. 57152043 con intestazione Tesoriera Provincia di Viterbo – Versamento contributo unificato spese Atti Giudiziari DPR 126/01.

I vantaggi del ricorso al Giudice di Pace

Il ricorso al Giudice di Pace non richiede la presenza di un avvocato per cause di risarcimento fino a 1.100 euro, perciò i costi e soprattutto i tempi di delibera saranno nettamente inferiori rispetto al ricorso in Tribunale. Oltre i 1.100 euro e fino a 5.000 euro sarà comunque possibile fare ricorso al Giudice con il supporto di un avvocato.

I rischi del ricorso al Giudice di Pace

Nel caso in cui doveste perdere la causa, sarete ovviamente chiamati al risarcimento danni nei confronti di chi si oppone a voi. Inoltre, dovrete pagare a quest’ultimo anche le spese legali, se dovesse aver richiesto un avvocato per la sua difesa.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Arrangiamoci.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons